Amici 17: le pagelle conclusive della stagione

Irama Amici

Si è conclusa ieri sera con la vittoria annunciata di Irama, già primo nelle classifiche dei dischi più venduti, la diciassettesima edizione di Amici, il talent show ideato da Maria De Filippi. Irama, vincitore anche del premio Radio 105, ha battuto nella finalissima la cantante sicula Carmen, vincitrice di una borsa di studio e-Campus. Terzo posto, invece, il cantante Einar, mentre a Lauren, già vincitrice della categoria ballo e quarta classificata in assoluto, sorprendentemente va il Premio della Critica, solo poche altre volte assegnato a un ballerino. La finale ha registrato un ascolto medio di oltre 4,8 milioni di spettatori e ha superato il 25% di share.

Noi di nonsolotrash.tv vogliamo tirare le somme e dare i voti ai personaggi e agli eventi più importanti dell’intera edizione.

IRAMA – 9 e mezzo

Non si può non partire dal vincitore. Già dal suo ingresso in corsa, si era capito di che stoffa fosse fatto Filippo Maria, il vero nome del ragazzo. Un viso che spacca, un look personale, un’ottima capacità di scrittura, una convincente capacità interpretativa e anche una storia di riscatto che ha appassionato gli animi dei telespettatori. Irama ha convinto (quasi) sempre con le sue performance e per il suo essere già a un livello superiore di consapevolezza rispetto agli altri. Il ragazzo, già re delle vendite, ha tutte le carte in regola per aspirare a grandi risultati. Perchè non 10? Per la mancanza di un competitor all’altezza e per una vittoria annunciata sin dalla prima puntata del serale.

LAUREN – 10

La vera rivelazione di quest’edizione. Freschezza, talento, energia, umiltà, carisma. Cosa manca a Lauren? Nulla. Nonostante la presenza di un ottimo ballerino come Bryan (7 e mezzo a lui, grande perfezione, cresce durante il serale, ma paga la sua scarsa empatia), Lauren ha conquistato tutti durante il serale, merito anche di Luca Tommasini, che l’ha definita un fenomeno, che ha costruito su di lei delle coreografie spettacolari. Lauren, ricordata ad inizio serale per la querelle con la Celentano sul suo peso, ha zittito tutti con rispetto e umiltà e ha onorato quel palco con la naturalezza delle grandi ballerine. Ieri sera ha dato prova di essere pronta per grandi cose, esibendosi in un numero difficilissimo da Broadway e dimostrando la sua completezza, mettendosi in gioco anche come cantante, rendendo il Premio della Critica un giusto riconoscimento.

CARMEN – 8 e mezzo

La cantante sicula è arrivata, come da previsioni, nella finale di Amici, sbaragliando la concorrenza e fermandosi solo davanti al muro Irama. Nonostante fosse lei stessa conscia del citofonato esito, non si è risparmiata sul palco e ha lottato come una leonessa, mostrando la sua potente voce e crescendo anche a livello interpretativo. Durante questo serale ha acquisito consapevolezza e si è sbloccata a livello emotivo, superando i giudizi dei più scettici e battendo la rivale Emma (voto 7, Einar le ruba la finale, ma nelle ultime puntate è rimasta un po’ stazionaria, subendo il sorpasso di Carmen. Bellezza e voce non le mancano, ma deve trovare la sua identità per fare il salto definitivo). Dovrebbe svecchiare un po’ il suo repertorio, ma sembra avere tutto in regola per un buon successo.

EINAR – 5

Nonostante la finale raggiunta, il cantante di origine cubana è quello che meno si è evoluto dall’inizio del programma. Partito con ottime basi e come il super favorito insieme a Biondo (voto 6, personaggio più che cantante, ottiene più successo di alcuni arrivati in finale), è sceso durante il suo percorso, a causa di un’involuzione psicologia e una scarsa capacità di reggere la pressione e il palco. Convincente a tratti, passa un po’ in sordina in una finale che già sembra un regalo, visti i talenti più meritevoli di lui precedentemente eliminati.

COMMISSIONE ESTERNA – 4

Se non fosse stato per la diatriba tra Heather e Simona e per l’innata simpatia nevrotica di Giulia Michelini, non ci saremmo accorti di loro. Commentano, ma restano esterni alla gara.

COMMISSIONE INTERNA – 5

Ritrovano il loro ruolo da protagonisti, ma questo purtroppo riporta il programma indietro di anni. Alcune dinamiche sanno di costruito e spesso mancano di oggettività.

REGOLAMENTO – 0

E’ stata la vera pecca di quest’edizione di Amici. Eliminazioni poco comprensibili, la divisione in fasi inutile, una sfida a squadre insensata, vista la possibilità di eliminazione per i suoi stessi membri, cambiamenti in corso d’opera. Speriamo si impari dagli errori e siano pronti i ripari per la prossima annunciata edizione.

Seguici anche su Facebook, Twitter e Instagram!

Articoli Correlati

Leave a Comment